Alcune Referenze
Studio di fattibilità per la valutazione preliminare all’ampliamento di aeroporto regionale

Studio di fattibilità per il potenziamento della struttura aeroportuale regionale. Creazione di un polo articolato di supporto alle attività comprendente: cargo merci, hangar di manutenzione, rimessaggio di aeromobili ed attività di addestramento piloti con simulatori di volo. Tale intervento aveva lo scopo di attrarre alcuni tra i player più interessanti nel trasporto aereo, quali:
  • compagnie aeree europee specializzate e/o con particolare vocazione nel cargo;
  • compagnie aeree legate a imprese postali, express courier, ecc.;
  • spedizionieri internazionali, operatori logistici, real estate developer,
interessati anche alle aree limitrofe al sedime aeroportuale, ecc. Tale azione doveva rappresentare un’opportunità di crescita e sviluppo sia per l’aeroporto che per l'indotto nell'area prossima allo scalo. Nell’ambito di tale studio DueGiElle è stata incaricata di valutare ed esprimere gli interventi per la realizzazione delle seguenti infrastrutture:
  • cargo Merci, con una superficie coperta di mq. 5.220;
  • No. 3 Hangar di manutenzione con una superficie coperta di mq. 8.500;
  • No. 3 Hangar per ricovero aeromobili con una superficie coperta di mq. 9.400;
  • centro addestramento piloti, con una superficie coperta di mq. 2.220 per due piani con una superficie sviluppata di 4.440 mq;
  • aree di pertinenza: Apron, taxiway, parcheggi e viabilità, per una superficie complessiva in pianta di circa mq. 75.000.;
  • collegamenti broadband con terminal passeggeri e con il “Centro Formazione per simulazioni collaborative volo + TWR”.
In fase di fattibilità è stato richiesto di tenere in considerazione tutti i requisiti ambientali prescritti dalle norme e dai regolamenti vigenti al momento della realizzazione e di prevedere soluzioni che favorissero il conseguimento del benessere ambientale con l’uso di elementi naturali, così da minimizzare i costi di gestione e di limitare l'utilizzo di fonti energetiche fossili. In particolare attraverso:
  • l’uso di strumenti passivi per il controllo del microclima;
  • la dotazione di sistemi per il contenimento dei costi energetici e lo sfruttamento di fonti energetiche rinnovabili;
  • l’uso dell’illuminazione naturale, soprattutto per le aree pubbliche e per gli uffici;
  • l’utilizzo di materiali a basso impatto ambientale.
« Indietro
Realizzazioni